PREPARARSI ALL’ASSESSMENT: GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE

/, Prepararsi all'assessment, Scienza/PREPARARSI ALL’ASSESSMENT: GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE

PREPARARSI ALL’ASSESSMENT: GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE

In questo articolo vi presenterò brevemente le principali tipologie di strumenti che possono essere utilizzati in una sessione di assessment, descrivendone le caratteristiche e fornendovi alcune indicazioni su quali sono gli ambiti di competenza su cui ogni esercizio fornisce le indicazioni più attendibili.

Targeted Interview

La Targeted Interview è una tipologia di intervista che mira a raccogliere degli esempi di comportamento dell’intervistato: in termini pratici si chiede all’intervistato di raccontare uno specifico episodio che ha vissuto, collegato ad una delle competenze che si desidera approfondire.

Questo tipo di intervista prevede una precisa struttura di domande mirate a mettere in evidenza i dettagli di comportamento messi in atto dalla persona, in modo da far emergere il suo reale modo di agire e il suo stile nell’affrontare determinate difficoltà.

Questo strumento permette di indagare ogni genere di competenza, ed è quindi fondamentale per integrare aspetti meno evidenti o non sufficientemente coperti da altri strumenti di valutazione.

Biografico

Il Biografico è un semplice questionario che permette di raccogliere le informazioni basilari per conoscere il valutato. Solitamente contiene domande relative al curriculum di studi ed alle principali esperienze lavorative del valutato, ma gli fornisce anche la possibilità di raccontarsi parlando di:

  • Competenze professionali
  • Punti di forza e ambiti di miglioramento
  • Valori e principi
  • Passioni e motivazioni personali
  • Aspettative per il futuro

Questo strumento è particolarmente utile in combinazione con la Targeted Interview o l’Intervista Motivazionale, può infatti fornire informazioni utili a capire su che temi ci si può più facilmente concentrare.

In Basket

L’ In Basket è una vera e propria simulazione di una situazione lavorativa: il valutato si cala nel ruolo di un professionista che deve gestire una serie di documenti, messaggi e richieste che trova nella sua «casella della posta», gestendo in totale libertà il tempo a sua disposizione.

Questo strumento fornisce moltissime indicazioni fondamentali sul modo in cui il valutato reagisce allo stress e affronta l’organizzazione del lavoro e le diverse tipologie di problemi, sia gestionali che relazionali.

L’In Basket è uno degli strumenti più complessi a disposizione degli assessor e permette di ottenere indicazioni su una grande varietà di capacità, ma è particolarmente utile per analizzare quelle legate all’ambito gestionale e intellettuale.

Sono disponibili molte diverse versioni In Basket, adatte all’analisi di varie competenze e con differenti livelli di complessità, in modo da adattarsi alle necessità di ogni valutazione.

Dinamiche di gruppo o Role Play

Il Role Play è un esercizio di gruppo in cui ogni partecipante si immerge in una situazione problematica lontana dalla sua realtà quotidiana, in cui deve trovare delle soluzioni a specifici problemi. I Role Play sono di grande utilità per osservare le competenze relazionali in atto.

Sulla base delle necessità di analisi possono essere utilizzati due tipi di Role Play: a ruoli liberi o a ruoli fissi.

Nei Role Play a ruoli liberi solitamente i partecipanti hanno un obiettivo comune e quindi privilegiato l’aspetto della collaborazione e del lavoro di team. Al contrario nei Role Play a ruoli fissi ogni partecipante ha un suo obiettivo ed emergono quindi maggiormente le competenze negoziali e di gestione del team.

Case History

I Case History sono degli esercizi situazionali in cui il valutato viene posto di fronte ad una situazione professionale problematica, con il mandato di analizzarla per rispondere ad alcune domande ed eventualmente di elaborare una possibile soluzione.

I Case History permettono di esaminare il modo in cui un valutato si comporta di fronte ad una situazione complessa e realistica, mostrando quali capacità mette in gioco per gestirla.

I Case History risultano particolarmente efficaci nel raccogliere indicazioni sulle capacità di tipo intellettuale ed organizzativo.

Questionario Situazionale

Questa tipologia di questionari propone al valutato una serie di comportamenti, che deve valutare indicando quanto li ritenga allineati al proprio modo di fare. Questa tipologia di esercizi è quindi fondata sull’auto-osservazione e sulla riflessione rispetto alle esperienze passate.

Il tipico Questionario situazionale cerca di stimolare i partecipanti con situazioni varie e diverse tra di loro, per osservare come essi trovano soluzioni e si relazionano con esperienze e problemi mai affrontati in precedenza.

Questa tipologia di questionario permette di valutare ogni tipologia di capacità e, infatti, viene talvolta utilizzato come unico strumento per la definizione di un profilo, soprattutto quando si devono valutare un gran numero di candidati. In questi casi, ovviamente, l’attendibilità della valutazione tende a diminuire.

Lo scopo è quello di riuscire a valutare il vero potenziale della persona valutata, al di là della loro conoscenza di specifiche realtà professionali.

L’uso di questionari è utile anche perché permette di avere una valutazione “obiettiva” basata sulle sole scelte del valutato, senza che l’assessor debba in alcun modo intervenire per esprimere un giudizio.

Questionario e Intervista Motivazionale

L’analisi delle motivazioni è una procedura che non fa strettamente parte della metodica dell’assessment, ma che viene comunque spesso aggiunta per avere una più chiara visione d’insieme del valutato. Per farlo possono essere utilizzate diverse tipologie di questionario o una apposita intervista, o una combinazione delle due cose, nelle valutazioni più approfondite.

Il ricorso a questi strumenti permette di sondare le leve motivazionali più significative in ambito professionale, come, ad esempio: crescita di ruolo, stabilità lavorativa o auto-miglioramento.

Questo ulteriore approfondimento fornisce indicazioni particolarmente importanti in un’ottica di sviluppo della persona e per rafforzare l’engagement dei dipendenti, ma può essere prezioso anche per capire quanto i candidati siano in linea con una specifica cultura aziendale.

Autovalutazione

L’autovalutazione può essere svolta in diverse modalità, la più comune delle quali è la compilazione di apposite Check List, che permettono di fornire indicazioni su una ampia gamma di capacità.

Al valutato viene proposta una lista di comportamenti per ognuna delle capacità esaminate, relativamente alle quali indicare la frequenza con cui li mette in atto nella sua realtà professionale.

Esistono Check List di Autovalutazione per ogni tipologia di capacità, ma la loro attendibilità in un’ottica di valutazione è piuttosto bassa. Questo strumento è invece molto utile nel momento in cui bisogna condividere i risultati dell’assessment con il valutato stesso, in quanto permettono di mettere a confronto la sua percezione con quanto è invece emerso dalla valutazione.

 

Questi sono i principali tipi di esercizio e di questionario che vengono utilizzati nei processi di assessment, solitamente combinandone diversi in modo da avere indicazioni utili su tutte le capacità che si desidera approfondire. Una tipica sessione di assessment di mezza giornata può, ad esempio, avere questa struttura:

In questo caso si è scelto di utilizzare l’esercitazione In Basket per ottenere indicazioni sugli aspetti gestionali, il Role-Play per la parte relazionale, il Questionario Situazionale per una valutazione obiettiva e la Targeted Interview per approfondire le capacità mancanti.

Conoscere gli strumenti più comunemente utilizzati nelle sessioni di assessment può essere di grande aiuto, non tanto per poter anticipare le risposte da dare (cosa impossibile, dato che ogni esercizio ha contenuti diversi), quanto piuttosto per riconoscerne il fine, in modo da sfruttare al meglio le qualità che si possiedono, focalizzandosi sugli esercizi che le mettono meglio in evidenza.

Anche per questa volta abbiamo terminato, nel prossimo articolo cominceremo ad approfondire uno degli strumenti più importanti e affidabili dell’armamentario di un assessor: l’In Basket.

A presto e …

…Stay tuned!

#Skilleyd

 

2020-03-28T23:14:40+00:00

Leave A Comment